Arredamento DESIGN Slide2

Tendenze 2021: angolo fitness/yoga e ufficio smart working, alcune idee per l’arredamento

L’ultimo frangente del secolo XXI ha visto l’emergere di nuove interessanti tendenze in tema di arredamento casalingo.

Spinte dalla moda dello smart working e dell’allenamento fai da te, diverse aziende hanno puntato su prodotti dal design accattivante per impreziosire il proprio angolo di lavoro ed eventualmente l’area della casa riconvertita a palestra o ad angolo meditativo.

La diffusione sempre più capillare di internet e soprattutto l’implementazione di piattaforme online concepite per il lavoro da remoto come Yammer, Microsoft Team e Facebook Workplace hanno convinto diverse aziende a tagliare i costi degli uffici e ad educare i propri impiegati al digitale.

Del resto da diversi anni alcune categorie di professionisti erano già abituate al lavoro casalingo. Ad esempio i campioni dell’Hold’em cresciuti nei casinò online tra roulette, slot machine e tavoli da blackjack si sono da tempo organizzati degli angoli dedicati al loro lavoro arredando la postazione laptop con sedie ortopediche, led salva vista e altri gadget per migliorare la qualità delle prestazioni casalinghe. Stesso discorso per i giornalisti freelance e per i programmatori, spesso impegnati ad implementare la resa di programmi e app da casa.
Senz’altro la seduta è uno dei nodi chiavi per implementare le proprie prestazioni davanti al laptop e alcune aziende, come la norvegese Varier, si sono specializzate nella produzione di sedie ergonomiche attive (spesso a dondolo) che aiutano la mobilitazione della fascia lombare allontanando il rischio di mal di schiena, sciatica e altri fastidiosi problemi posturali che solitamente assillano la categoria dei colletti bianchi. Interessante e meno costosa l’idea della sedia a sfera che mette insieme un supporto rigido e un pallone da palestra, un escamotage che costringe chi si siede a stabilizzare i muscoli della colonna, del collo e delle spalle, favorendo la mobilitazione articolare e disinibendo di fatto atteggiamenti lesivi per le vertebre della colonna. In alternativa esistono anche scrivanie per lavorare in piedi, le standing desk, una soluzione estrema adatta soprattutto a chi soffre di problemi posturali cronici, ideale anche per chi non vuole rinunciare a bruciare calorie durante le ore di lavoro (ma attenzione alla ritenzione idrica).

A proposito di allenamento e considerando anche i tempi ristretti dello smart working che pare abbia allungato considerevolmente la giornata lavorativa, in molti hanno scelto di rinunciare alla palestra per dedicarsi al fitness “intra moenia”. Infatti fare attività fisica a casa consente di risparmiare tempo soprattutto nel caso in cui la palestra non sia a due passi dal proprio domicilio. Un altro aspetto positivo dell’allenamento fai da te è senz’altro il risparmio visto che in questo modo non si resta vincolati a costosi abbonamenti annuali che spesso, anche per mancanza di costanza in chi li sottoscrive, pesano sul bilancio mensile senza dare i frutti sperati.
Ultimamente va per la maggiore lo yoga, un’attività che promette di mantenere in forma corpo e anima grazie alle asana, le antiche posture di questa via del benessere ideata in India millenni or sono. Il pregio dello yoga è che ha un impatto minimo sull’arredamento della casa. Soprattutto per chi vive in un piccolo appartamento, per dedicarvisi al meglio bastano un tappetino antiscivolo (ve ne sono per tutte le tasche in commercio) ed eventualmente dei piccoli blocchi da yoga utili per favorire l’allungamento ed aiutarsi con le posture.
Per aggiungere un tocco di spiritualità all’angolo dedicato allo yoga diversi praticanti amano abbellire con specchi, piante ornamentali, incensieri e statue dal gusto orientaleggiante che richiamano alle asana tipiche della disciplina.
Altro trend “sportivo” che va per la maggiore è quello del crossfit che non richiede alcuna attrezzatura specifica a patto che non si voglia spingere sull’acceleratore con i bilancieri. In questo caso si potrebbero installare dei ganci o una rastrelliera sul muro dove riporre gli attrezzi del mestiere come elastici, palle mediche, eventuali manubri e roller foam.
Anche in questo caso è auspicabile l’installazione di uno specchio per verificare il corretto svolgimento degli esercizi ancor meglio se abbinato ad una mirror tv dove poter scegliere di visualizzare, magari a mezzo schermo, le lezioni del personal trainer preferito.

Articoli simili

CPR Scale: quando le scale arredano con stile

claudia.dimeglio

VOGUE il letto DoimoDesign comodo ed elegante

anna.rubinetto

Un bagno totalmente firmato Grohe con la nuovissima  collezione di sanitari in ceramica e piatti doccia

anna.rubinetto

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.