BEAUTY Skin Care Slide3

La Prairie: passato, presente e futuro della Luxury House dal 1931

La Prairie: passato, presente e futuro della Luxury House dal 1931

Per La Prairie il 2022 è un anno importante, iniziato con la presentazione della nuova brand identity e un nuovo logo che racchiude passato, presente e futuro della Luxury House. Scopriamone di più sulla storia del marchio.

La Prairie, la storia inizia con il dottor Paul Niehans

La Prairie: passato, presente e futuro della Luxury House dal 1931

La storia di La Prairie inizia sulle rive del lago Lemano all’inizio degli anni ’20, dove Paul Niehans, affermato chirurgo di Montreux si interroga sulla vita del corpo vivente, dello spirito e dell’anima. Egli si rende conto che le cellule muoiono molto più velocemente del resto dell’organismo e ha un’intuizione geniale: bisogna usare cellule fresche per riparare quelle danneggiate, quindi rigenerare il simile con il simile. Con lui sarebbe nata la terapia cellulare. Dopo lunghe sperimentazioni in laboratorio, il dottor Niehans perfeziona la terapia cellulare con risultati sorprendenti. I suoi risultati e le sue ricerche vengono pubblicati, tra cui “Introduction to Cellular Therapy“, seguito da “The Cell, Giver of Life“.

Evento che cambierà la sua vita è però la guarigione di Papa Pio XII nel 1955, in seguito alla quale il dottor Paul Niehans viene nominato membro della Pontificia Accademia delle Scienze e guadagna una fama internazionale, attirando l’attenzione di personaggi pubblici e celebrità da tutto il mondo. I primi tra gli ospiti della sua clinica sono capi di stato e reali che si recano a Montreux per riposare e ringiovanire. Alla sua morte nel 1971, il dottor Niehans lascia in eredità ai suoi successori alla Clinique La Prairie un tesoro di conoscenze mediche e di ringiovanimento uniche. Uno dei suoi ultimi sviluppi è una crema topica offerta agli ospiti alla loro partenza dalla clinica.

La nascita della skincare La Prairie

La Prairie: passato, presente e futuro della Luxury House dal 1931

La skincare Prairie nasce di lì a pochi anni, nel 1978, quando viene sviluppato un regime completo di cura della pelle con formule che includono cellule fresche stabilizzate. L’estratto cellulare brevettato utilizzato in queste prime creazioni della Maison è la prima generazione del Complesso Cellulare Esclusivo di La Prairie, la firma scientifica unica della Luxury House.

Dallo studio di questo primo complesso, unito alle innovazioni tecnologiche del tempo, sarebbe nato il “Complesso Cellulare Esclusivo”, che riceve il suo primo brevetto nel 1998, rinnovato nel 2018. Oltre alla formula e alle tecnologie brevettate, La Prairie utilizza tre laboratori separati per garantire che il Complesso Cellulare Esclusivo rimanga un segreto, infatti nessun tecnico di laboratorio o chimico ne conosce l’esatta composizione.

La Skin Caviar Collection e l’incontro con l’arte

La Prairie: passato, presente e futuro della Luxury House dal 1931

Con il tempo, gli scienziati La Prairie si interrogano su nuove innovazioni, spostando l’attenzione su un altro nucleo della vita: l’uovo. Il caviale in particolare è ricco di sostanze nutritive. Cosi nel 1987 nasce la Skin Caviar Collection, una svolta nel settore della cura della pelle.

In parallelo, La Prairie trova nel mondo dell’arte nuove ispirazioni, collaborando con l’artista Niki de Saint Phalle che nel 1982 creò una fragranza a suo nome. Lo studio di design con cui lavora condivide lo spazio degli uffici con La Prairie. Il blu cobalto, colore che per l’artista simboleggia femminilità, audacia, forza e serenità, diventerà anche emblematico per La Prairie.

Le innovazioni skincare La Prairie

La Prairie: passato, presente e futuro della Luxury House dal 1931

Vent’anni dopo il successo di Skin Caviar, gli scienziati La Prairie cercano ispirazione nella natura e nei metalli preziosi in grado di potenziare l’effetto ringiovanente del Complesso Cellulare Esclusivo. La Prairie lancia per la prima volta The Radiance Collection nel 2006 e, poco dopo, Platinum Rare Cellular Cream. Innovazione, scienza, esperienze sensoriali e bellezza anche nei packaging sono elementi chiavi per il brand. Dalla Svizzera a tutto il mondo, le creazioni della Luxury House continuano a innovare l’eredità del Dr. Niehans ispirandosi alla natura ma lasciandosi guidare dalla scienza.

Il legame con il mondo dell’arte

Oltre alla natura, grande fonte di ispirazione per La Prairie è l’arte. Il brand infatti collabora con esposizioni e mostre, istituzioni culturali, artisti e talenti emergenti. Nel 2017 La Prairie ha stretto una partnership con Art Basel, la principale fiera d’arte contemporanea del mondo. È seguita una partnership con la West Bund Art & Design Fair di Shanghai lo stesso anno e Frieze Art Fairs nel 2021. Il brand ha commissionato opere d’arte e collaborato con diversi artisti, da Mario Botta a Chul-Hyun Ahn, Pablo Valbuena e Carla Chan. Nel 2020, La Prairie ha annunciato il patrocinio per due anni del Piet Mondrian Conservation Project della Fondation Beyeler, l’iconica istituzione culturale svizzera. Ma sono tantissimi gli impegni presi fino a oggi a favore dell’arte.

La nuova brand identity e il logo

Il logo La Prairie ne rappresenta i valori, la storia e l’eredità. Il nuovo logo si ispira alla prima espressione visiva della Clinique La Prairie degli anni ’30, proposto in una forma elegante, in lineari lettere maiuscole. L’insegna all’ingresso della Clinique è stata progettata ispirandosi al movimento Art Deco. Negli anni ’70, il logo La Prairie è stato progettato usando una tipografia definita Helvetica, oggi conosciuta come Helvetica Neue. Il carattere è stato creato dal designer Max Miedinger nel 1960 a Zurigo, scelto da La Prairie per mantenere e celebrare l’eredità svizzera. Così l’Helvetica Neue si evolve in una rivisitazione contemporanea. Infatti le lettere del logo originale sono passate dalle minuscole alle maiuscole, il design è più nitido, più architettonico e quindi più attuale.

Scoprite anche La Prairie Skin Caviar Eye Lift.

Articoli simili

Dal Mar Morto nuove proposte di bellezza firmate Amy Kafri

claudia.dimeglio

Versatile la nuova piastra BaByliss liscia/arriccia Pro Styler ST290E: arriccia o liscia i capelli, secondo le tue esigenze!

anna.rubinetto

Crème Raffermissante Nuit Micro-Elastine di Resultime, per una pelle liscia e tonica …all’istante!

anna.rubinetto

1 comment

Alpenpalace Luxury Hideway  & Spa - Valle Aurina - Viaggiare News 04/2022 at 16:10

[…] dell’ Alpenpalace Luxury Hideaway & Spa Retreat la SPA “The Art of Beauty by La Prairie“, uno dei centri estetici più chic delle Alpi, permette di prendersi cura del proprio corpo […]

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.