News

Batterie ricaricabili VARTA, per fronteggiare la crisi e per far bene all’ambiente

Toys_VARTA

 

VARTA, azienda leader europeo per l’energia su misura, propone le batterie ricaricabili, un piccolo aiuto per le famiglie, al fine di far fronte alla crisi .

Considerando i numerosi apparecchi che usiamo quotidianamente in casa, dal telecomando ai giocattoli, dalla sveglia alla bilancia elettronica, il risparmio non è poi così trascurabile!

Consideriamo anzitutto che una batteria ricaricabile VARTA può arrivare a equivalere fino a 300 batterie stilo alcaline della stessa capacità.

La convenienza è evidente: se, ad esempio, la macchinina telecomandata preferita da nostro figlio consuma mediamente un blister di batterie usa e getta da circa 4 euro a settimana, la spesa annuale può raggiungere la ragguardevole cifra di 192 euro.
Nulla a che vedere con i 20 euro necessari per l’acquisto di una confezione di 4 stilo ricaricabili e di un caricatore che arrivano a coprire insieme lo stesso fabbisogno anche per un periodo più lungo. Ne consegue che la spesa di un anno si può ridurre fino a euro 172,00.

Un’altra tipologia di dispositivo piuttosto diffusa in casa è il mouse wireless, il cui consumo di energia richiede 2 stilo almeno ogni 2 settimane, per una spesa di massima di 48 euro all’anno. Anche in questo caso, quindi, il risparmio arriva a ben 28,00 euro. 

In termini economici, quindi, è chiaro come l’utilizzo delle ricaricabili sia un ottimo investimento a lungo termine, traducendosi in un potenziale di risparmio variabile annuale dal 40% al 90%,  a seconda del dispositivo alimentato.

La scelta delle batterie ricaricabili VARTA è quindi molto utile, perchè permette di dare una mano al già risicato  bilancio familiare, un gesto grazie al quale magari potersi permettere qualche altra spesa.

Foto by VARTA

Articoli simili

Lucaffè, un prodotto nato dalla passione per il caffè!

claudia.dimeglio

Con FITO piante irrigate anche in vostra assenza!

claudia.dimeglio

Il film “Divergent” al cinema dal 3 aprile, ma fin da ora puoi esprimere sui social la tua “divergenza”!

claudia.dimeglio